Metalli non ferrosi

Click to enlarge
Con un numero crescente di impianti operativi, la soluzione SOLVAir® con bicarbonato é diventata il punto di riferimento per i settori del riciclo di metalli non ferrosi (alluminio,rame, piombo), la raffinazione e il recupero di metalli preziosi o semi preziosi (vanadio, molibdeno, oro, platino, ecc.), e per il trattamento dei catalizzatori petrolchimici usati. 

In questo settore industriale, un numero crescente di processi di recupero dei metalli usati contribuisce a preservare delle risorse preziose.

Molti di questi processi emettono dei gas acidi provenienti dai combustibili o da fasi specifiche della produzione.

Per esempio:

  • nell’alluminio di seconda fusione gli inquinanti (principalmente HCl) provengono dai sali in fusione o dai rottami verniciati;
  • nel recupero dei catalizzatori usati, la fonte principale di inquinanti é lo zolfo depositatosi sui catalizzatori.

La Soluzione SOLVAir®

La nostra esperienza dimostra che la soluzione SOLVAir® con bicarbonato raggiunge facilmente i valori limiti di emissioni imposti localmente, in particolare nei confronti dell’acido cloridrico (HCl) o degli ossidi di zolfo (SOx) prodotti da queste industrie.

Alcuni processi produttivi permettono di riutilizzare i Prodotti Sodici Residui (PSR) provenienti dalle operazioni di controllo delle emissioni con il bicarbonato di sodio, ad esempio:
 
  • Nella fusione secondaria dell’alluminio il cloruro di sodio residuo può sostituire la materia prima nello strato di metalli in fusione.
  • Il solfato sodio é usato come agente affinante nella raffinazione del vanadio.
  • Una via di riciclo del solfato di sodio é rappresentata dal processo Resogypse.

Per conseguenza gli operatori usano meno materie prime, e nessuno residuo di trattamento dei gas deve essere messo in discarica.Il Bicarbonato di sodio BICAR® ha ampiamente mostrato le sue capacità di riduzione delle quantità di HCl e SOx emesse. Abbattimenti superiori al 99% sono raggiunti facilmente in questo settore.